martedì 25 dicembre 2012

Tanti auguri cari di Buon Natale a tutti, sia i nostri soci, che tutti gli amici, ed i cittadini del quartiere Talenti, del Municipio IV, e di Roma


L'ultima battaglia del nostro CDQ Salviamo Talenti prima di Natale, la battaglia per riuscire a fare svuotare i cassonetti della carta, NON svuotati regolarmente nell'intero quartiere da 2 settimane ! Dopo 2 mail a Relazioni Esterne-AMA, ed una telefonata al numero verde, finalmente nella notte della Vigilia parte dei cassonetti strapieni sono stati svuotati ! La situazione è comunque a "macchia di leopardo"...

L'ultima battaglia del nostro CDQ Salviamo Talenti prima di Natale, la battaglia per riuscire a fare svuotare i cassonetti della carta, NON svuotati regolarmente nell'intero quartiere da 2 settimane ! Dopo 2 mail a Relazioni Esterne-AMA, ed una telefonata al numero verde, finalmente nella notte della Vigilia parte dei cassonetti strapieni sono stati svuotati ! La situazione è comunque a "macchia di leopardo"...
Questa era la situazione fra 23 e 24 mattina....

NOSTRA SEGNALAZIONE AD AMA:



Possiamo oggi segnalarvi che nella notte fra 24 e 25 dicembre finalmente almeno parte dei cassonetti della carta sono stati svuotati....
Ma è mai possibile che bisogna fare battaglie del genere per ottenere cose che dovrebbero essere NORMALI !!!

giovedì 13 dicembre 2012

Allarme topi alla scuola Albertazzi

dal Paeseroma.it

I genitori in rivolta chiedono alla dirigente scolastica maggiore attenzione alla pulizia, e la totale rimozione degli escrementi di topi rinvenuti


Roma – I genitori della scuola elementare Albertazzi si sono riuniti oggi in attesa della dirigente scolastica dell’istituto comprensivo di Via Matteo Bandello, Maria Teresa Corea, dopo la scoperta risalente a ieri mattina di escrementi di topi sparsi per l’intero edificio, nelle aule, negli armadietti e nei corridoi. Toni accesi hanno caratterizzato l’incontro con la preside che si è presentata alle 9.15, ben oltre l’inizio dell’orario scolastico. Evidentemente preoccupata per il buon nome della scuola, come primo (e unico aggiungeremmo noi)  atto ha fatto rimuovere il cartello che vi mostriamo che denuncia le condizioni nelle  quali da lungo tempo, sono costretti a convivere insegnanti, collaboratori scolastici e alunni. Sollecitata dai genitori ha compiuto un sommario giro della scuola, scoprendo situazioni di degrado a lei incomprensibilmente ignote. Zone completamente tralasciate dalla ditta delle pulizie, la soc.  Multiservizi, locali scarsamente puliti, bagni in condizioni igieniche precarie. Nel frattempo la reazione dei genitori non si è fatta attendere. Una denuncia ai Carabinieri prontamente intervenuti, e il coinvolgimento del Municipio, hanno consentito di portare all’attenzione della Asl il problema. Nel pomeriggio la Asl, l’ufficio tecnico del Municipio e la Sogea (la ditta incaricata della derattizzazione) si incontreranno a scuola per decidere del da farsi. In quella occasione verrà consegnata alla Asl l’esposto preparato dai genitori in cui viene richiesta la bonifica dell’intero plesso Albertazzi Pintor, comprensivo delle zone esterne, da sempre in totale incuria. Un buon esempio di collaborazione tra genitori che organizzati hanno mostrato che i problemi possono essere risolti, con un po’ di buona volontà e responsabilità, virtù scarsamente riscontrate, a nostro avviso, nella dirigenza scolastica attuale.

domenica 9 dicembre 2012

IL COMITATO DI QUARTIERE SALVIAMO TALENTI, ED ALTRE REALTA' DEL MUNICIPIO IV E QUARTIERE TALENTI, ADERISCONO ALL'APPELLO LANCIATO DA ITALIA NOSTRA, E CONDIVISO DA OLTRE 30 ASSOCIAZIONI E CDQ DELLA CITTADINANZA, CONTRO IL DISSENNATO PIANO DI NUOVE DELIBERE DI VARIANTE AL PRG, CHE ALEMANNO E CORSINI PORTERANNO IN CONSIGLIO COMUNALE A GENNAIO 2013. UN'ALTRA INCREDIBILE, ED INACCETTABILE COLATA DI INUTILE CEMENTO RESIDENZIALE SULLA NOSTRA CITTA' E SUU NOSTRI QUARTIERI, UN ULTERIORE GRAVISSIMO ATTACCO AL VALORE DELLE NOSTRE CASE !

 IL CDQ SALVIAMO TALENTI ADERISCE ALLA BATTAGLIA DEL COMITATO INTERASSOCIATIVO CONTRO ALTRO CEMENTO A ROMA, E CONDIVIDE LA LETTERA CON RICHIESTA DI MORATORIA INVIATA AL SINDACO, PRESENTATA PER IL COMITATO DA ITALIA NOSTRA:
 
COMUNICATO STAMPA
Roma, 01.12.12
ITALIA NOSTRA AL CONSIGLIO COMUNALE :
                       FERMATE LA MANOVRA URBANISTICA

Si apprende che l’Assessore all’Urbanistica Corsini ha ottenuto dalla Giunta di portare al voto in Consiglio comunale tutta una serie di delibere in variante al Piano regolatore che configurano una vera e propria manovra urbanistica che peggiora fortemente le previsioni edificatorie del, già contestato, PRG di Veltroni.
-         Molte di queste delibere comportano l’ulteriore inaccettabile cementificazione dell’Agro romano.
-   Altre cancellano le poche aree libere rimaste per dotare di verde e servizi  i quartieri consolidati.
-   Alcune sembrano presentare aspetti d’illegittimità.

Inoltre non è possibile che questi atti (delibere, Accordi di Programma o altro) vengano portati al voto del Consiglio uno alla volta senza che venga prima valutata e discussa la manovra complessiva per valutare le conseguenze sui gravi problemi mai risolti del traffico e della carenza di servizi che stanno rendendo sempre più difficile la vita a Roma.
Conoscere e discutere l’intera manovra con l’elenco di tutti gli atti ed il loro peso urbanistico, Municipio per Municipio, è inoltre un diritto di tutti i cittadini e dei loro comitati e associazioni per potere far conoscere, in tempo, le loro richieste e osservazioni ad ogni Gruppo consiliare e ad ogni singolo consigliere.
ITALIA NOSTRA, tra l’altro, denuncia che non è stato mai applicato quanto richiesto dal “Regolamento della Partecipazione” per permettere un vero coinvolgimento della popolazione. Non si possono considerare valide le solo formali assemblee dell’assessorato che non permettevano un reale confronto, ma solo una serie d’interviste.
Per questo:
ITALIA NOSTRA CHIEDE AL CONSIGLIO COMUNALE  DI
FERMARE LA MANOVRA URBANISTICA DELL’ASSESSORE CORSINI
E DI PERMETTERE UN URGENTE CONFRONTO CON LA CITTA’
Info : 338.1137155 – 333.3613682

Comunicato  AL CONSIGLIO COMUNALE         FERMATE LA MANOVRA URBANISTICA.docComunicato AL CONSIGLIO COMUNALE FERMATE LA MANOVRA URBANISTICA.doc
87K   Visualizza   Scarica   

venerdì 23 novembre 2012

Ancora a proposito del cantiere dell'ECOMOSTRO Rione Rinascimento 4° a via Giacosa: ricordate ? Quello dove abbiamo documentato fra 2007 e 2010 prima la costruzione e poi la distruzione di un parcheggio, evidentemente pubblico, e dove sta ora sorgendo questo muro di cemento. Ebbene gli Uffici del Comune di Roma si rimpallano la "patata bollente", probabilmente NON è stata stipulata la relativa Convenzione urbanistica ! Che avrebbe dovuto essere -fra l'altro- approvata dal Consiglio Comunale di Roma...

Ancora a proposito del cantiere dell'ECOMOSTRO Rione Rinascimento 4° a via Giacosa: ricordate ? 
E' quello dove abbiamo documentato fra 2007 e 2010 prima la costruzione e poi la distruzione di un parcheggio, evidentemente pubblico, e dove sta ora sorgendo questo muro di cemento.
 Ebbene gli Uffici del Comune di Roma si rimpallano la "patata bollente", qualcosa sotto deve probabilmente esserci !
Guardate:
PRIMA L'UFFICIO ATTUAZIONE LOTTIZZAZIONI CONVENZIONATE TRASMETTE CON NOTA 6 NOVEMBRE 2012 PROT. 90085 L'ESPOSTO INVIATO AL COMUNE DI ROMA DA COMITATO SPONTANEO CITTADINI VIA GIACOSA-ROVETTA E CDQ SALVIAMO TALENTI AL DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ED ATTUAZIONE URBANISTICA, IN QUANTO "RIGUARDANTE COMPETENZE DEL PROCESSO ISTRUTTORIO CURATO DA CODESTO UFFICIO" !!!
POI IL DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ED ATTUAZIONE URBANISTICA RESTITUISCE CON NOTA 15 NOVEMBRE 2012 PROT. 23227 L'ESPOSTO ALL'UFFICIO ATTUAZIONE LOTTIZZAZIONI CONVENZIONATE, CHE GLIELO AVEA INVIATO, IN QUANTO "DAGLI ATTI DELLO SCRIVENTE UFFICIO NON RISULTA ESSERE STATA STIPULATA ALCUNA CONVENZIONE PER I P.U. PARCO TALENTI, ANAGNINA, PRAMPOLINI, E MEZZOCAMMINO RELATIVA ALLA COMPENSAZIONE EDIFICATORIA DEL PARCO DI AGUZZANO DI CUI ALLE DELIBERAZIONI 46/2001 E 109/2004"..... !!!!!
  Ma "se per questo intervento NON è stata stipulata" fra il comune di Roma e l'impresa costruttrice "alcuna convenzione", come dichiara addirittura il Dipartimento Urbanistica nella nota sopra riportata, e se all'intervento stesso NON è quindi riferibile la Convenzione citata nel cartello di cantiere, come ha fatto il comune di Roma a rilasciare il relativo permesso di costruire ?????
 

venerdì 16 novembre 2012

Incontro del 14 novembre 2012 a Conca d'Oro con AMA a proposito del nuovo progetto di raccolta differenziata. Un resoconto

Si è svolto al Mercatino Conca d'Oro l'incontro dell'AMA con la cittadinanza in merito al progetto di raccolta differenziata.
Noi c'eravamo, eccone un resoconto.


Si è svolta la prevista assemblea pubblica con i responsabili AMA per discutere questo nuovo modello di raccolta differenziata proposto dalla stessa AMA., con notevole partecipazione.
Erano presenti Benvenuti presidente dell’AMA e i funzionari sempre AMA a cui si sono aggiunti Bonelli presidente del IV municipio, Visconti assessore all’ Ambiente.
Erano presenti Riccardo Corbucci e Paolo Marchionne del PD municipale , Ferdinando Bonesio dei verdi e le testate giornalistiche locali.
I comitati e le associazioni erano quasi tutti presenti all’ appello, e fra essi il nostro CDQ Salviamo Talenti, mancando all’appello solo i  comitato Val Melaina e Vigne Nuove.
L’assemblea è stata aperta da di Lega Ambiente Lazio che ha illustrato le varie figure che entrano in gioco nel trattamento rifiuti. dall’AMA al CONAI. ai vari consorzi del riciclo. illustrando i costi dell’attuale smaltimento e quanto si potrebbe ricavare da una corretta riutilizzo dei rifiuti.
Dopo questa breve illustrazione ha preso la parola sia il presidente AMA e i funzionari che hanno nuovamente illustrato questo nuovo modello secondo un canovaccio già presentato all’ assemblea del 10 ottobre, evidenziando che questo nuovo modello è stato progettato tenendo conto anche delle risorse economiche attualmente effettivamente disponibili.
Dopo questi due interventi hanno preso la parola i rappresentanti dei comitati, associazioni e semplici cittadini che hanno esposto con forza e in maniera univoca le criticità di questo nuovo modello sia nella forma che nella sostanza mettendo in  luce i problemi, e mettendo spesso in crisi i rappresentanti AMA, soprattutto quando si è fatto riferimento al progetto presentato dall’AMA al ministro Clini per ottenere il contributo, che prevedeva tutto un altro sistema, addirittura con cassonetti ad apertura magnetica per l’organico, che avrebbe portato un reale vantaggio economico ai cittadini.
L’intervento di Visconti si è sostanzialmente concentrato sulla delocalizzazione dell’impianto AMA di via Salaria, ed in tale ambito l’assessore ha dichiarato che è in via di approfondimento un’ipotesi di ricerca di  una nuova area.
Bonelli ha affermato che da questo nuovo modello di raccolta non si può tornare indietro, perché e un sistema che rivoluzionerà il modo di trattare i rifiuti, pur invitando l’ AMA a rendere pubblico il reale sistema di smaltimento, la quantità di riciclo dei prodotti, e la localizzazione degli stessi e Benvenuti ( presidente AMA si è reso disponibile a mettere in rete questi dati) .
Tutti gli interventi hanno sostanzialmente ribadito la necessità di passare ad un sistema di raccolta porta a porta anche se modulata sul territorio, e tutti gli interventi hanno altresì fatto osservare all’ AMA che l attuale sistema non comporterà nessun benefico alla collettività anche se si effettua una separazione ottimale dei rifiuti nel proprio domicilio, visto che comunque va tutto gettato nei cassonetti stradali se pur differenziati per tipologia e colore.
L’AMA ha dichiarato che il sistema proposto è stato studiato effettuando un censimento civico per civico, ed analizzando le varie tipologie,  che hanno così portato alla stesura del nuovo piano.
Dalla cittadinanza si è a tale proposito chiesto di mettere in rete le planimetrie relative alla suddivisione della zone identificate, con colori che indichino le varie zone e tipologia di raccolta,  la richiesta che è  stata accolta.
Alla richiesta di rendere pubblico questo censimento AMA ha dichiarato che i documenti sono consultabili presso a sede della stessa.
Qualche intervento ha messo in luce delle criticità locali che la AMA ha recepito come segnalazione impegnandosi ad verifica sul posto nell’immediato.
Alla fine dell’assemblea, che ha sempre mantenuto toni accesi ma costruttivi, l’ AMA,  pressata dai presenti e si è resa disponibile nella persona del presidente Benvenuti, e nell’immediato, a partecipare ad una riunione con i comitati e cittadini, per rimodulate il sistema di raccolta rifiuti nella varie zone del municipio prendendo in considerazione l'ipotesi di estendere il porta a porta in altri quartieri di concerto con i comitati e i cittadini.
Una piccola ma sostanziale vittoria dei cittadini.... appuntamento alla prossima riunione..
CDA Serpentara: D. D’Orazio
CDQ Salviamo Talenti: Valerio


lunedì 5 novembre 2012

Nonostante più solleciti del nostro comitato, nonostante che negli altri municipi stiano scadendo o siano scaduti i termini per il parere sul nuovo Regolamento del Verde Urbano, nel Municipio IV, neanche se ne parla ! Eppure qualcuno dovrebbe ricordare bene il massacro del nostro verde, gli splendidi 7 pini tagliati a via Bracco, e tanti altri casi. Cosa aspetta il Municipio IV ad indire in proposito una riunione con CDQ ed associazioni ??? AGGIORNAMENTO: non ci ha nanche pensato, ed il parere, su un atto così delicato, è stato reso dal Consiglio Municipale in data 11 ottobre 2012 (del. n. 16 ) SENZA SENTIRE LA CITTADINANZA !

Nonostante più solleciti del nostro comitato, nonostante che negli altri municipi stiano scadendo o siano scaduti i termini per il parere sul nuovo Regolamento del Verde Urbano, nel Municipio IV, neanche se ne parla ! 
ECCO LE RICHIESTE:
 Eppure qualcuno dovrebbe ricordare bene il massacro del nostro verde, gli splendidi 7 pini tagliati a via Bracco, e tanti altri casi. 
Cosa aspetta il Municipio IV ad indire in proposito una riunione con CDQ ed associazioni ???

AGGIORNAMENTO DA FACEBOOK (!!!): non ci ha nanche pensato, ed il parere, su un atto così delicato, è stato reso dal Consiglio Municipale in data 11 ottobre 2012 (del. n. 16 ) SENZA SENTIRE LA CITTADINANZA ! 
 

Mercoledì 14 novembre 2012: il CDQ Talenti -NON IL NOSTRO CDQ SALVIAMO TALENTI- ha invitato la cittadinanza al teatro di S. Ponziano, in un incontro dal titolo "Talenti parliamone insieme", in merito a "sicurezza, viabilità, ambiente"... SI, PARLATENE: di sicurezza, che dovrebbe essere anzitutto sicurezza di poter vivere nelle nostre case e nei nostri quartieri SENZA essere travolti dal cemento ! Viabilità: dove non si resce ancora a compltare dopo un decennio il raddoppio di via Casal Boccone, e si continua a consentire la permanenza della scandalosa situazione di pericolo davanti al supermercato Elite ! AMBIENTE: dove prosegue il massacro del nostro verde, ed il municipio IV NON DA risposte al nostro ed altri CDQ che hanno sollecitato con urgenza il parere sul nuovo Regolamento !

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:
LINK: http://www.laquartaonline.it/
NELL'IMMINENZA DELLE PROSSIME ELEZIONI COMUNALI DEL 2013......
"INCONTRO PUBBLICO SU SICUREZZA, VIABILITA' E AMBIENTE, PRESSO IL TEATRO DELLA PARROCCHIA DI SAN PONZIANO
Dai Nostri Quartieri - Talenti, Bufalotta, Cinquina, Casal Boccone
 Il Comitato di Quartiere Talenti invita la cittadinanza a partecipare all’incontro pubblico “Talenti, parliamone insieme”, che avrà luogo il giorno 14 Novembre 2012 alle ore 17,00 per terminare alle ore 20,00 circa, presso il teatro della Parrocchia S. Ponziano in via Nicola Festa 50 - Roma.
La riunione verterà sulla sicurezza, la viabilità, l’ambiente ed ogni altra tematica rilevante per la vivibilità del territorio.
Interverranno il Presidente del Quarto Municipio Cristiano Bonelli, il Consigliere Fabrizio Clavenzani e rappresentanti delle forze dell’ordine: Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia di Roma Capitale".
Manca solo l'esercito.....

 Mercoledì 14 novembre 2012: il CDQ Talenti -NON IL NOSTRO CDQ SALVIAMO TALENTI- ha invitato la cittadinanza  al teatro di S. Ponziano, in questo incontro dal titolo "Talenti parliamone insieme", in merito a "sicurezza, viabilità, ambiente"... 
SI, PARLATENE........ !!!
  • PARLATE DI SICUREZZA: che dovrebbe essere anzitutto sicurezza di poter vivere nelle nostre case e  nei nostri quartieri SENZA essere travolti dal cemento che palazzinari senza scrupoli ci continuano a scaricare addosso, emblematico l'ultimo caso di Rione Rinascimento 4° ! (su cui dagli amici del CDQ Talenti NON abbiamo sentito una parola....)
  • PARLATE DI VIABILITA':  dove non si resce ancora a far completare dopo un decennio il raddoppio di via Casal Boccone, e si continua a consentire la permanenza della scandalosa situazione di pericolo davanti al supermercato Elite ! 
  • PARLATE DI AMBIENTE: dove prosegue il massacro del nostro verde, ed il municipio IV NON DA risposte al nostro ed altri CDQ che hanno sollecitato con urgenza il parere sul nuovo Regolamento !
 

domenica 4 novembre 2012

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Municipio IV e a Talenti: su richiesta degli amici del CDQ Serpentara l'AMA ha dato la sua disponibilità ad un incontro informativo per i cittadini che si terrà mercoledi 14 novembre ore 17.30 al Mercatino delle Valli - Conca d'Oro

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO:
Si comunica che oggi l' AMA ha dato la disponibilita ad un incontro pubblico con i cittadini su invito del comitato per discutere seriamente del nuovo modello di raccolta dei rifiuti nel municipio.
La data fissata è per MERCOLEDI 14 ORE 17 30 AL MERCATINO DELLE VALLI CONCA D'ORO
a breve prepareremo le locandine dell'evento per dare la massima diffusione all'incontro
saluti cdq serpentara

giovedì 1 novembre 2012

ECOMOSTRO "Rione Rinascimento 4° - Belvedere Acero" - aggiornamento su richiesta Procedimento Partecipativo: in esito all'esposto presentato dal nostro CDQ e dal Comitato Spontaneo via Giacosa, dopo la condivisione del Municipio IV, arriva anche una nota del Gabinetto del Sindaco indirizzata ad assessore all'Urbanistica Corsini e Dirigente Dipartimento Urbanistica. Ricordiamo a tutti che, mancando il Procedimento Partecipativo il permesso di costruire n. 51-prot. 11830 del 16 febbraio 2012 NON avrebbe potuto essere rilasciato, ed i lavori dovrebbero essere immediatamente SOSPESI !

ECOMOSTRO "Rione Rinascimento 4° - Belvedere Acero" - aggiornamento su richiesta Procedimento Partecipativo: 
in esito all'esposto presentato dal nostro CDQ e dal Comitato Spontaneo via Giacosa :.....
,...dopo la condivisione del Municipio IV:
 ...arriva anche una nota del Gabinetto del Sindaco indirizzata ad assessore all'Urbanistica Corsini e Dirigente Dipartimento Urbanistica:
Attendiamo l'esito del sollecito, ricordando a tutti che -a norma del DPR 380/2001- i lavori sul cantiere, mancando una delle formalità di legge che erano INDISPENSABILI per il rilascio delle relative autorizzazioni edilizie (permesso di costruire n. 51 - prot  11830 del 16.02.2012), DOVREBBERO ESSERE IMMEDIATAMENTE SOSPESI !!!

lunedì 22 ottobre 2012

ECOMOSTRO "Rione Rinascimento 4° - Belvedere Acero": partito oggi l'esposto al sindaco di Roma, al Comune di Roma-Dipartimento Urbanistica, al Municipio IV, ed alla Regione Lazio del nostro Comitato di quartiere e del Comitato spontaneo cittadini di via Giacosa e via Rovetta, con circa 200 firme di cittadini. Viene chiesta l'immediata sospensione del cantiere, per evidente violazione delle norme in materia di partecipazione della cittadinanza di cui alla direttiva europea 42/2001/CE, D. Lgs. 152/2006, nonchè Regolamento approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 57/ 2006. Apprendiamo da qualche minuto che oggi stesso si è unito alla richiesta il Municipio IV di Roma !

ECOMOSTRO "Rione Rinascimento 4° - Belvedere Acero": partito oggi l'esposto al sindaco di Roma, al Comune di Roma-Dipartimento Urbanistica, al Municipio IV, ed alla Regione Lazio del nostro Comitato di quartiere e del Comitato spontaneo cittadini di via Giacosa e via Rovetta, con circa 200 firme di cittadini. Viene chiesta l'immediata sospensione del cantiere, per evidente violazione delle norme in materia di partecipazione della cittadinanza di cui alla direttiva europea 42/2001/CE, D. Lgs. 152/2006, nonchè  Regolamento approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 57/ 2006
AGGIORNAMENTO ORE 21.12:
Apprendiamo da qualche minuto che oggi stesso si è unito alla richiesta il Municipio IV di Roma !
LINK: http://www.facebook.com/groups/135896763096302/504648262887815/?comment_id=504648996221075&ref=notif&notif_t=group_comment

Complesso residenziale di via Giacosa, l'articolo del PAESEROMA



Il murale del PaeseRoma che denuncia l'assurda situazione dei residenti di via Giacosa minacciati da un nuovo "mostro"  edilizio. Lo troverete affisso per il quartiere Talenti.

domenica 14 ottobre 2012

Davanti a vicende incredibili come la partenza dei lavori di un altro ecomostro, per iniziativa dei soliti palazzinari, in un quartiere Talenti e Municipio IV PIAGATI dal cemento, è necessario per le prossime elezioni comunali 2013 avviarsi su una nuova strada, che SPAZZI VIA LE FORZE POLITICHE colluse, e restituisca finalmente ai cittadini il controllo della loro città ! Ecco quindi un documento di cittadini come voi, impegnati nel Comitati di quartiere ed associazioni dei cittadini. Indetta assemblea per il 27 ottobre h. 9.30 - Facoltà di Ingegneria-via Eudossiana 18 - aula 1

Davanti a vicende incredibile come la partenza dei lavori di un altro ecomostro, per iniziativa dei soliti palazzinari, in un quartiere Talenti e Municipio IV PIAGATI dal cemento..............
(GUARDATE DI SEGUITO IL CARTELLO DI CANTIERE DELL'ECOMOSTRO BELVEDERE ACERO, PERMESSO DI COSTRUIRE DI FEBBAIO 2012)
...... è necessario per le prossime elezioni comunali 2013 avviarsi su una nuova strada, che SPAZZI VIA LE FORZE POLITICHE colluse, e restituisca finalmente ai cittadini il controllo della loro città ! Ecco quindi un documento di cittadini come voi, impegnati nel Comitati di quartiere ed associazioni dei cittadini.
CDQ Salviamo Talenti

Anche la nostra città, Roma,  soffre dei mali scatenati dalla crisi: la disoccupazione, la precarietà che  colpiscono  in particolare le giovani generazioni, l’inefficienza e l’inadeguatezza di quel che  resta del welfare, destinato a scomparire definitivamente. Tutti i settori della vita economica cittadina sono in fortissima difficoltà. Il debito del Comune ipoteca il presente ed il futuro della città. I servizi pubblici mal funzionanti sono sempre di più sotto attacco speculativo ed a rischio privatizzazione. Frattanto continuano le azioni predatorie verso il territorio, all’insegna di una sempre più pressante speculazione edilizia mossa dall’intreccio perverso fra rendita fondiaria e finanziaria. I valori della conoscenza e del sapere vengono  costantemente mortificati, il ruolo dei cittadini è regolarmente negato e gli strumenti di democrazia partecipata  sono continuamente rimossi. A tutto questo si aggiunge l’azione criminale di mafia, camorra e ‘ndrangheta, le quali,  insediatesi saldamente nella capitale, si contendono apertamente il controllo delle attività produttive legali (particolarmente edilizie e commerciali).
In questi ultimi anni il centrodestra di Alemanno ha “sgovernato” Roma adoperandosi a coltivare da un lato l’“amicizia” dei palazzinari dediti alla cementificazione e distruzione del territorio e, dall’altro, a distruggere con il clientelismo più becero l’armatura delle aziende pubbliche: dall’Ama, all’Atac all’Acea.
A fronte di ciò è mancata del tutto una forte e adeguata opposizione del centrosinistra, in Campidoglio e nella città, incapace totalmente a sviluppare una pur minima analisi critica della trascorsa esperienza di governo - il famigerato “modello Roma” - ed a produrre al suo interno quel profondo rinnovamento politico e culturale di cui ci sarebbe stato estremo bisogno.
La crisi di credibilità della classe dirigente al governo di  Roma e della Regione,  con gli scandali e  l’indegno mercimonio delle risorse pubbliche per sfamare appetiti personali e di gruppo  ha ormai raggiunto il fondo del baratro.  
 Il dirottamento della candidatura di Zingaretti dal comune di Roma alla presidenza della Regione Lazio, avvenuto in questi giorni ad opera di una piccola oligarchia partitocratica,  senza alcun rispetto e considerazione dei cittadini e degli elettori del centro-sinistra che già si apprestavano a votare alle primarie, la dice lunga sulla concezione della democrazia che anima la classe politica anche del centro sinistra.
Mai come in questo periodo le aspirazioni, i progetti, le esperienze di partecipazione e di democrazia diretta, proposte dalla società civile e dai cittadini in risposta al disagio sociale e alla crisi, sono state così lontane dagli attuali partiti.
Di fronte a questa drammatica prospettiva noi cittadini, che giornalmente siamo impegnati nel lavoro, nel mondo della cultura, nella politica, nell’Associazionismo, nei Comitati, nelle attività di proposta e nelle lotte per la salvaguardia del bene pubblico e dei beni comuni, abbiamo  il convincimento che anche a Roma siano maturi  i tempi  perché prevalga un segnale forte di rottura e discontinuità, a partire dalla qualità innanzitutto morale della rappresentanza politica che si candida a governarla.
Pensiamo sia opportuno e necessario che nella  competizione elettorale del 2013 per eleggere il sindaco ed il consiglio comunale sia in campo  una alternativa in grado di rappresentare,  in radicale discontinuità politica e programmatica con il passato e con il presente,  l’aspirazione a voltare pagina con una proposta capace di rivolgersi a tutta la città, per un nuovo, innovativo governo della Capitale.
Affermiamo fin dall’inizio che non ci  interessa  occupare una nicchia nel sistema politico locale, ci interessa invece unire e unirci a tutte le forze della società civile progressista e ambientalista per  eleggere il Sindaco dei cittadini per Roma città Bene comune.
L’alternativa per noi inizia dai contenuti programmatici per dare risposta alla mancanza di lavoro e di case, all’inefficienza dei servizi  (sanità, scuola e sapere, mobilità e infrastrutture), alla non corretta gestione del ciclo dei rifiuti, alla mancata riqualificazione del centro e della periferia, all’inutile espansione del costruito, al continuo consumo di suolo per soddisfare gli appetiti della speculazione edilizia, al dilagare della criminalità mafiosa e della corruzione. Partendo dai princìpi e dai diritti riconosciuti dalla Costituzione repubblicana vogliamo costruire una proposta di governo che, superando la cultura dei “sacrifici”, mobiliti e metta a profitto per il bene comune le risorse finanziarie, le strutture, il lavoro, le competenze, che oggi la città già possiede.  Pensiamo che il programma possa scaturire dall’immenso ed originale patrimonio di idee e di progetti, costruito in decenni di lotte contro il cosiddetto “modello Roma”. C’è un grande giacimento di competenze, esperienze e creatività popolare che le donne e gli uomini di questa città, giovani, immigrati, lavoratori, intellettuali sono in grado di mettere in campo  soprattutto se si sentiranno soggetti attivi della sua costruzione e se sapremo disegnare un nuovo paradigma della democrazia,  che realizzi una nuova e positiva sintesi tra democrazia rappresentativa e democrazia partecipata  al servizio  del bene comune, della città e dei suoi abitanti.
Per queste ragioni aderiamo  all’appello “La Roma che vogliamo” promosso dagli intellettuali e parteciperemo all’assemblea cittadina di sabato 27 ottobre a Roma  presso la facoltà di Ingegneria dell’Università La Sapienza con la speranza che il sogno di una alternativa per la città si avveri.

Aldo Pirone
Marcello Paolozza
Mirella Belvisi
Anna Barberio
Irene Ortis
Gaia Pallottino
Fabio Depino
Bruno Ceccarelli
Antonio Castronovi
Paolo Gelsomini
Mario Vicentini
Gianni Cicioni
Fabio Prasca
Silvano Podda
Chiara Ortolani
Paola Badessi
Angelo Zola
Mimmo D’Orazio
Andrea Staffa
Vito De Russis
Mario Attorre
Mauro Staroccia

Notevole partecipazione questa mattina alla Passeggiata della cittadinanza di Talenti lungo via Giacosa e via Rovetta, a prendere conoscenza unitamente ai residenti nella zona del devastante progetto di Belvedere Acero - Rione Rinascimento 4° ! Avviata una raccolta di firme su un esposto al comune di Roma e al Municipio IV

Notevole partecipazione questa mattina alla Passeggiata della cittadinanza di Talenti lungo via Giacosa e via Rovetta, a prendere conoscenza unitamente ai residenti nella zona del devastante progetto di Belvedere Acero - Rione Rinascimento 4° ! 
Ringraziamo per l'adesione all'iniziativa del CDQ Serpentara e del Movimento 5 stelle del Municipio IV

 Avviata una raccolta di firme su un esposto al comune di Roma e al Municipio IV.
Ricordiamo contra quale vero e proprio ECOMOSTRO hanno iniziato la loro battaglia questi cittadini !

domenica 30 settembre 2012

Solo sabato 22 settembre avevamo segnalato la presenza di giochi divelti ed ormai pericolosi al Parco della Cecchina - Talenti. Ci chiedevamo cosa si aspettasse ad intervenire, che qualche bimbo si facesse male, dopo aver segnalato anche il caso del rischio corso da una bimba di solo 1 anno, situazione ripresa anche dall' importante sito informativo Roma Today. Ebbene, ad una sola settimana dalla segnalazione, sabato 29 settembre un'impresa operante per il Servizio Giardini del Comune di Roma-Gruppo Municipio IV è intervenuta e ha proceduto alla riparazioni necessarie ! Ringraziamo Municipio IV e Comune di Roma-Servizio Giardini !

SOLO IL 24 SETTEMBRE IL SITO ROMA TODAY AVEVA RIPRESO UNA NOSTRA SEGNALAZIONE DEL 22 SETTEMBRE SULLE PERICOLOSITA' DI ALCUNI GIOCHI AMMALORATI E DANNEGGIATI AL PARCO DELLA CECCHINA:
LINK: http://montesacro.romatoday.it/talenti/giochi-parco-cecchina.html
lenti: giochi divelti e pericolosi al Parco della Cecchina
QUESTA LA NOTIZIA COME RIPRESA DA ROMA TODAY:

Ancora degrado al Parco della Cecchina: i residenti denunciano la precarietà dei giochi per i bimbi, preda di atti vandalici - di Redazione - 24 settembre 2012.

 Talenti: giochi divelti e pericolosi al Parco della CecchinaSi torna a parlare del Parco della Cecchina, l'area verde del quartiere Talenti spesso al centro di numerose proteste cittadine per lo stato di abbandono ed incuria perenne in cui versa. Il parcogiochi, infatti, nonostante i recenti lavori di sistemazione, continua ad essere preda del vandalismo, e da oltre un mese ormai i residenti denunciano la precarietà dei giochi per i bimbi.

Talenti: giochi divelti e pericolosi al Parco della Cecchin"Mentre una bimba di poco più di un anno giocava sull'altalena", è il resoconto di pochi giorni fa della Redazione di Tg Roma Talenti, "di colpo la catena si è staccata e la grossa vite metallica che sorregge l'altalena stessa ha sfiorato la testa della bimba. E' andato tutto bene per fortuna... ma perchè dobbiamo affidarci alla fortuna, è un mese che abbiamo avvisato che l'area giochi è piena di pericoli, nonostante sia stata "rimessa a nuovo". Inoltre troppo spesso a tutte le ore anche quando ci sono i bambini, passano motorini e scooter rischiando di trovarsi un bimbo sotto le ruote".

Ebbene, siamo lieti di comunicarvi che sabato 29 settembre un'impresa operante per il Servizio Giardini del Comune di Roma-Gruppo Municipio IV è intervenuta e ha proceduto alla riparazioni necessarie ! Ringraziamo Municipio IV e Comune di Roma-Servizio Giardini !




 

sabato 29 settembre 2012

Il prolungamento della Metro B1 Jonio-Bufalotta viene messo in stand by, e NON verrà realizzato al prezzo di devastanti "valorizzazioni immobiliari" ! Lo aveva dichiarato in una audizione alla Camera il sindaco Alemanno a luglio, e lo conferma in un intervista qualche giorno fa l'Assessore Aurigemma. Motivo ? "Troppo impatto urbanistico, c'è un ECCESSO di cubatura difficili da sistemare" (!!!). Cosa andavamo dicendo da oltre due anni il nostro e gli altri Comitati di quartiere ??? Una grande vittoria per la gente del Municipio IV ! Il prolungamento, se mai si farà, dovrà essere realizzato con fondi pubblici !

COMUNICATO STAMPA

Il prolungamento della Metro B1 Jonio-Bufalotta viene messo in stand by, e NON verrà realizzato al prezzo di devastanti "valorizzazioni immobiliari" !  
Lo aveva dichiarato in una audizione alla Camera il sindaco Alemanno a luglio:
Lo conferma in un intervista qualche giorno fa l'Assessore Aurigemma. 

Motivo ? "Troppo impatto urbanistico, c'è un ECCESSO di cubatura difficili da sistemare" (!!!). Cosa andavamo dicendo da oltre due anni il nostro e gli altri Comitati di quartiere ??? 
Ricordate ?
Prima che il Coordinamento dei CDQ, con il suo esposto all'Autorità di Vigilanza delle Opere Pubbliche costringesse il Comune di Roma ad aprire il procedimento partecipativo nel quale è emersa con forza la ferma opposizione della gente alla realizzazione dell'opera al prezzo di altri 12/15 milioni di cemento residenziale, il comune di Roma -come dichiarato apertamente dall'assessore Aurigemma, stava già andando all'appalto !!!
  Riascoltateci in questo video:
Una grande vittoria per la gente del Municipio IV ! 
Il prolungamento, se mai si farà, dovrà essere realizzato con fondi pubblici !

CDQ Salviamo Talenti

venerdì 21 settembre 2012

Vedremo mai Parco Talenti????



Sull’interminabile epopea sulla realizzazione di Parco Talenti è stata recentemente rilasciata sul giornale “Lavocedelmunicipio” – che ringraziamo e di cui riportiamo il link per poter scaricare l’ultima edizione http://www.lavocedelmunicipio.it/2012/lavoce%20annoVII-n12-21-9-2012_web.pdf – una intervista dal delegato al controllo sulla realizzazione Fabrizio Clavenzani .
Le dichiarazioni rilasciate dal consigliere lasciano alquanto perplessi e meritano un approfondimento e delle domande che vogliamo rilanciare al consigliere stesso:
partiamo dall’inizio, o meglio dalla fine: il Consigliere assicura che “la fine dei lavori è confermata per metà 2013”; ci permetterà il consigliere Clavenzani di dubitare fortemente di questa affermazione dato che questa fine era stata ipotizzata circa un anno fa presupponendo una durata continua dei lavori, lavori che ad oggi non sono stati nemmeno avviati. Sulla base di quale evidenze e presupposti si lancia in una così certa affermazione?
Relativamente al giardino dei cinque sensi Clavenzani afferma che “i lavori sono fermi perché per poter seminare e avere una garanzia che poi ciò che viene seminato attecchisca,si attende un periodo climatico più favorevole”. Anche tale affermazione lascia sbigottiti. In primo luogo perché probabilmente il consigliere non ha più effettuato alcun sopralluogo nell’area; avrebbe altrimenti notato che i prati sono stati seminati nello scorso giugno e grazie all’impianto di irrigazione (che non si sa per quale miracolo abbia funzionato nonostante l’abbandono) oggi i prati sembrano godere di un ottimo livello di attecchimento. In secondo luogo perché non vi è alcuna correlazione tra le lavorazioni residue che devono essere effettuate, le verifiche di attecchimento (che possono essere effettuate in seguito come avviene nella totalità dei lavori a verde) e, a maggior ragione, un fermo lavori che non può trovare alcuna giustificazione in una verifica di attecchimento. Non serve un agronomo per capirlo. Ne un ingegnere.
Sullo stato di degrado dell’appena ultimata area cani Clavenzani ammette “Purtroppo è così. Stiamo cercando di risparmiare su alcune opere per poter dirottare i fondi sull’area cani e creare l’impianto d’irrigazione che riteniamo necessario”. Viene da chiedersi: ma il progetto chi lo ha approvato? Chi ha rilasciato il permesso per la sua realizzazione? Perché ci si accorge sempre e solo dopo degli errori? E soprattutto, perché da un lato ci si dichiara totalmente impotenti nei confronti del costruttore, al punto da non poter intervenire a modifica di alcun aspetto della convenzione, e poi si dichiara che invece si sta lavorando a modificare opere previste per conseguire risparmi da dirottare alle opere già realizzate, non a regola d’arte aggiungiamo noi? La cosa è sempre molto fumosa e non sgombra da dubbi e ombre.
Relativamente alla reperibilità delle informazioni sullo stato avanzamento lavori mediante la creazione di un sito web Clavenzani afferma  “In realtà quella del sito web era un mia idea personale e il sito avrei dovuto aprirlo personalmente ma ho preferito risparmiarmi la spesa dell’attivazione. D’altronde chiunque abbia bisogno di informazioni può trovarmi in municipio, chiamarmi o mandarmi una mai”. Beh, caro consigliere Clavenzani, nell’era del web la sua affermazione risulta alquanto comica. E’ a conoscenza degli innumerevoli spazi web e hosting sui quali è possibile aprire in modo totalmente gratuito siti web di informazione? Questo stesso blog dovrebbe esserle di esempio. Oltretutto su questi spazi è possibile seguire procedure guidate per cui anche chi è totalmente a digiuno di conoscenze informatiche può benissimo aprire uno spazio del genere. Quindi la scusa del risparmio di spesa personale, ci scusi, ma suona di beffa. Suona di beffa tanto più che la sua sbandierata disponibilità via mail o telefonica è stata smentita da molti e molti cittadini che lamentano la sua latitanza e la totale assenza di riscontri alle richieste avanzatele via mail.
In relazione alla lentezza con la quale procedono ormai da anni i lavori viene detto che “l’opera è stata appaltata senza un cronoprogramma e cioè un programma dove è scritto ciò che deve essere fatto mese per mese. La precedente giunta comunale firmò il contratto con la società appaltatrice (Impreme) senza redigere questo crono programma e dove è prevista solo una data di inizio lavori e una di fine lavori suscettibile a proroghe. Quando un’area viene terminata viene poi subito consegnata ai cittadini”. Su questo aspetto Clavenzani rimanda le colpe alla precedente amministrazione; il consigliere ha in parte ragione perché la firma di una Convenzione senza un cronoprogramma o senza tempistiche esecutive è una cosa mai vista, suscettibile di un’indagine dell’AVCP. In realtà è sbagliato parlare di appalto, perché l’appalto per l’esecuzione lavori, se stipulato, è recente. Lo è sicuramente quello dell’area cani nonché quello del Giardino dei 5 sensi. E per legge va indicato nel cartello di cantiere. Potete verificare voi stessi. Ci si chiede se sia stato stipulato dalla Impreme l’appalto per l’intero parco? Semmai l’appalto rimanda a termini di contratto alla Convenzione originaria che poi è quella incriminata. A ben vedere però esistono degli strumenti che consentirebbero all’attuale amministrazione di mettere una pezza al danno fatto in passato e poter esercitare un minimo controllo sul costruttore: si pensi ad esempio che le proroghe, che deve rilasciare l’attuale amministrazione, devono essere, anche a termini del c.c., ampiamente motivate dall’appaltatore che, diversamente, diviene inadempiente. Esiste poi il discorso sulla valutazione degli oneri concessori da corrispondere dall’Impreme al Comune, oneri che vanno a scomputo sulle opere di compensazione che deve realizzare. Possibile che nessuno controlli questi aspetti?
Ma alla fine dell’intervista la domanda fondamentale: Vedremo mai parco Talenti? ”Sì nel 2013. E a lavori terminati i tecnici del Comune verranno a fare la verifica del collaudo e cioè verificheranno che la ditta abbia realizzato tutto quello che era scritto nella convenzione. Tempo fa si era parlato di scarico di terra con sollevamento delle quote e parte del collaudo sarà quello di verificare, con strumenti topografici, che le quote e i piani quotati siano stati rispettati il progetto iniziale”. La promessa viene ribadita. Suona a dire il vero alquanto utopistica. Non vorremmo essere sempre mal pensanti, ma si sa, a pensar male…. Forse che… nel 2013 ci sono le elezioni…e magari non essendo sicuri di avere nuovamente la gestione politica del Municipio, si fa questa promessa, assolutamente impossibile da mantenere, cosicchè un domani, alla constatazione della mancata ultimazione dei lavori si potrà urlare alla nuova maggioranza di turno “E’ colpa vostra se non si sono ultimati i lavori? Noi avevamo promesso che li avremmo finiti!”.Un giochino questo che per tanti anni i cittadini si sono sorbiti da parte di tutti gli schieramenti. Le vittime di ieri sono i carnefici di oggi e le vittime di oggi saranno i carnefici di domani.
Ma il tempo dell'anello al naso è finito. E i cittadini non dimenticano. Così come non dimenticano dell'Accordo di Programma Casal Boccone, del Prolungamento della B1 e di tutte le "porcate" ancora in ballo nel municipio.
Ed infine, caro consigliere Clavenzani, forse non è molto bene informato, ma ci sono dei controlli di legge, che spettano alle amministrazioni, che devono necessariamente essere effettuati prima del Collaudo. Ci si riferisce soprattutto alla normativa in tema di conferimenti e depositi di terre e rocce da scavo. La qualità e la rispondenza dei materiali al progetto di riutilizzo approvato deve essere eseguita in corso d’opera in contraddittorio e non al collaudo. Tali controlli appaiono senza dubbio molto più importanti dei controlli topografici di progetto che, come dice lei, devono essere demandati al collaudo…anche se….anche se una Direzione Lavori dovrebbe vigilare costantemente e segnalare eventuali difformità dal progetto. Ma si sa, siamo in Italia…
Perché diciamo questo? perché non vorremmo ritrovarci poi con controlli fatti alla fine che evidenziassero il superamento di qualche parametro biochimico delle terre e rocce depositate o, ancor peggio, la presenza i inquinanti (tipo idrocarburi di lavorazione o scarti di cantiere tossici). Che facciamo a quel punto? Smontiamo tutto? …ah no, certo, siamo in Italia….si troverà la deroga...o si rimanderà la colpa a qualcuno che non c'è più...